I 12 Migliori Gin del 2021 Classifica e Offerte

I migliori gin del mondo si distinguono per la materia prima. Un buon gin si ottiene da chicchi selezionati di mais, segale e orzo; passa attraverso un preciso processo di fermentazione e distillazione con i migliori frutti e spezie per giungere infine alla mano del consumatore.

Il mix di esperti mixologist e le prove di assaggio dei migliori sul campo hanno determinato questa lista con i 12 gin di altissima qualità.

Migliori Gin del 2021 Classifica

1. Monkey 47 Schwarzwald Dry Gin

Per gli amanti delle spezie e dei sapori forti è l’ideale, in quanto questa bevanda è pensata per offrire un tocco eccentrico.

Con il 47% di alcol nella sua composizione, è un gin premium preparato con 47 spezie botaniche della Foresta Nera; È conosciuto come il gin con il maggior numero di ingredienti al mondo.

Esalta il sapore dolce sul resto, lasciando un retrogusto amarognolo alla prima bevuta. Il secondo permette di apprezzare note citriche. Alcuni dei suoi ingredienti sono salvia, bacche di biancospino, noce moscata, lavanda, cannella e persino melissa.

Questo gin è stato concepito come il migliore al mondo, proprio per la sua complessità, contenendo 3 volte più ingredienti di quelli comuni. Ha ottenuto questa qualifica nel Top Trending Brand Drinks International in una valutazione effettuata su più di 500 professionisti della zona.

È il preferito per la preparazione del classico gin tonic. Questa bevanda va trattata con cura, cercando di equilibrarne l’intensità, poiché contenendo diverse spezie può provocare scompiglio nello stomaco di persone sensibili o allergiche.

2. Gin Roku Artigianale Giapponese

Viene dal Giappone ed è una bevanda che bilancia perfettamente l’eleganza del gin con il patrimonio culturale giapponese. Sebbene in una prima beva offra il sapore naturale di un gin di qualità, diventa lungo, unendo il finale della bevuta al retrogusto in note speziate.

È composto dai seguenti ingredienti: foglie e fiori di sakura, tè sensha, tè gyokuro, pepe sansho e pelle di yuzu.

Questi ingredienti sono raccolti in un modo molto interessante, perché per farlo viene utilizzato il periodo migliore dell’anno, il che rende il processo più complicato per gli artigiani e più attraente per i consumatori.

Si possono evidenziare solo due grandi svantaggi. La differenza di prezzo tra questi e la loro concorrenza, più che giustificata per la qualità e per il tocco piccante, sembra un po’ secca. La bevanda non cerca di nasconderlo, quindi non è per tutti i gusti.

3. Hendrick’S Gin

Una bevanda scozzese che fa appello alla freschezza. I suoi ingredienti cercano di combinarsi per cocktail rinfrescanti. Ottimo per dissetarsi, i suoi sapori dominanti sono il cetriolo e i petali di rosa.

Il sapore del cetriolo tende ad essere invasivo rispetto agli altri, aggiungendo così un sapore terroso che potrebbe non piacere a tutti.

La sua bevanda è leggera, morbida e piacevole. Il retrogusto si sente appena, in quanto non cerca di provare una seconda esperienza. Questo gin è ideale per i cocktail, soprattutto con tendenza tropicale.

Per l’odore è una delizia. Si ritiene addirittura che questa bevanda impatta prima al naso e poi al gusto, invitando a consumarla senza nemmeno assaggiarla.

Ha una gradazione alcolica di 44 gradi ed è stata premiata con una medaglia d’argento all’International Wine and Spirit Competition nel 2010.

4. Tanqueray Flor de Sevilla Gusto Dolce Amaro, Arance di Siviglia

Il preferito del barista viene da Londra.

È una bevanda versatile, aromatica e dal buon gusto, che non perde il concetto di sé.

Questo gin mira ad essere una delle formule più riconosciute e più utilizzate in questa lista e questo perché i suoi sapori non tendono all’esotico per sopraffare. Cerca di essere semplice offrendo toni agrumati poiché è basato sulle arance di Siviglia.

Il suo colore ambrato con tendenza all’arancione lo rende gradevole alla vista.

Entra attraverso gli occhi, si innamora attraverso il naso e convince attraverso la bocca.

Nelle sue note olfattive predomina il fiore d’arancio e, naturalmente, l’arancia. Il suo compagno perfetto è una forma d’arancia o le sue bucce, per esaltarne il sapore.

Lo svantaggio di questa bevanda risiede nella sua formula standard, quindi se stai cercando qualcosa di spettacolare e fuori dall’ordinario, ci sono molte opzioni migliori.

5. Brockmans Gin

È uno dei pochi che rappresenta di per sé l’eccellenza, artigianale e di origine inglese. Questo gin premium non ha bisogno del cocktail bar, anzi, il cocktail bar ha bisogno di questo gin.

Perché indipendentemente dal suo sapore individuale, è perfettamente concatenato con diversi ingredienti gassati e individuali come olive, ciliegie o cipolle.

Affronta l’odore con coriandolo, agrumi, frutti di bosco e zenzero. È molto naturale con una tendenza alla terrosità, anche se in confronto è meno aromatico della sua concorrenza.

All’assaggio mostra note citriche, con elevata presenza di aromi di frutti di bosco diversi; ginepro, mirtilli, more, all’inizio dolci e scivolano come seta lungo la gola. È un drink lungo e intenso, con molta presenza e carattere.

Si consiglia di gustarlo con qualche agrume, ghiaccio e acqua tonica, per esplorare l’eccentricità del prodotto.

Essendo così intenso nel sapore, è imperativo berlo freddo o può assomigliare a una medicina. La sua trasparenza può indurre in errore i consumatori, in quanto non è un gin ordinario.

6. Plymouth Gin Original

Conosciuta come la regina delle miscele, è un gin premium che deriva da una miscela distinta di 7 botaniche di alta qualità prodotte in Inghilterra. Sublimemente equilibrato, il suo sapore è un perfetto mix di tocchi dolci e floreali.

Questo gin si distingue per l’Indicazione Geografica Protetta, una caratteristica distintiva che può essere prodotta solo all’interno delle antiche mura della città, conferendo rilevanza storica al prodotto.

Fresco, morbido e aromatico. Evidenzia un delizioso sapore e odore di cardamomo, di colore trasparente. Si presenta come un gin classico ideale.

Essendo una bibita così analcolica, abbassarla con acqua o qualche tipo di bibita gli fa perdere la sua intensità, rendendo il suo sapore un po’ impercettibile. D’altra parte, la tua bottiglia manca dell’eleganza necessaria per diventare un regalo da sola.

7. Bombay Sapphire London Dry Gin

Un gin inglese complesso, composto da 10 botanici provenienti da diverse parti del mondo. Infusi al vapore per poterli incorporare nel migliore dei modi.

I suoi ingredienti vengono aggiunti durante la distillazione, il che gli fa assorbire le proprietà e il sapore in modo più intenso. In bocca propone sapori con una maggiore tendenza agli agrumi, con un tocco dolce. Il ginepro è sempre molto presente, ma ben equilibrato con le altre spezie.

Trae freschezza dalla scorza di limone e dal coriandolo, rendendolo leggero sia al palato che all’olfatto. È un gin dal gusto rotondo e dal carattere.

L’imbottigliamento cerca di stupire attraverso il classico, quindi sarebbe un ottimo decorativo.

Sfortunatamente, il controllo dell’alcol del marchio non è il migliore. Ha ricevuto alcune lamentele a causa del superamento di 40 gradi, che sarebbe il più grande fallimento.

8. Nordés, Atlantic Galician Gin

Di origine galiziana, è un gin premium ideale per cocktail di tendenza fresca. Dall’imbottigliamento al gusto, ispira freschezza.

Propone toni fruttati mescolati a sentori balsamici. Una delizia completa per il palato di chi lo assaggia, protagonista del suo successo è l’uva Albariño.

Utilizza 11 botanici per dargli carattere, 6 dei quali di origine galiziana, il che lo rende irripetibile per i suoi concorrenti.

Al naso si notano note di salvia, alloro, verbena cedrina ed eucalipto, che generano due importanti stimolazioni.

Il primo è inviare il messaggio di freschezza al cervello. Il secondo, sentire detta freschezza passare per le fosse, che enfatizza l’effetto del consumo.

Al contrario, il suo prezzo elevato può essere valutato sul mercato. Inoltre, l’ignoranza della bevanda può avere un impatto negativo, perché è tutt’altro che un gin classico.

9. Star Of Bombay London Dry Gin

Eleganza sotto forma di gin. È inglese con tocchi di raffinatezza sin dalla sua preparazione. Il processo di distillazione consiste nell’infusione di vapore, che lo rende più fluido e integra meglio gli ingredienti. Il suo equilibrio, infatti, è tale da poter essere gustato da solo con del ghiaccio.

Leggermente forte, le sue note speziate fanno la differenza quando lo bevi.

È un gin pensato per chi ama uscire dalla propria zona di comfort e preferisce drink con maggior corpo e carattere. I suoi protagonisti sono l’ibisco e il bergamotto.

Il ginepro è protagonista al naso, fondendosi dolcemente con toni agrumati e fruttati. Al palato invece si può gustare “a strati”.

Sebbene la prima impressione sia un perfetto mix di tutti i sapori, porta una seconda e una terza ondata che accentuano la presenza agrumata e floreale dell’Ambretta.

La bottiglia ricorda il gioiello che ne ha ispirato il nome, essendo un regalo perfetto per ogni occasione.

Questo gin è così spettacolare di per sé, che solo le varianti della stessa marca competono con esso, diventando uno svantaggio a causa del suo prezzo elevato in confronto.

10. Jinzu Gin

Il gin delle culture trovate.

Ispirato da un viaggio in Giappone, questo gin condivide il meglio della produzione inglese con un tocco giapponese che lo rende irresistibile per il pubblico.

Questo gin ha carattere ovunque sia apprezzato, i suoi ingredienti principali sono il limone yuzu, il sake e i petali di fiori di ciliegio. Bilancia l’amaro con gli agrumi per creare un’esperienza per il consumatore.

Il suo colore è trasparente, sembra un classico gin che invade il naso con agrumi, coriandolo e fiori di ciliegio, fornendo gli stessi sapori al palato per enfatizzare l’effetto.

A causa degli ingredienti, la sua conservazione è rigorosa. Va conservato in un luogo fresco e asciutto al riparo dalla luce. Il prezzo della bottiglia è ben al di sopra della concorrenza e il gusto non è per tutti i tipi di pubblico.

11. PUERTO DE INDIAS Sevillian Gin Premium Strawberry

Specifico per gli amanti dei soft drink. È un gin rosa premium spagnolo il cui sapore deriva da fragole e ginepro, creando un contrasto dolce-amaro al palato.

È conosciuto come il pioniere nella sua zona, impostando la tendenza dei gin rosa in tutta la Spagna e nel mondo.

È perfetto per coloro che sono nuovi nel mondo del gin. Con una graduazione di soli 37,5 gradi è una bevanda fatta per essere gustata dal primo momento.

La sua beva è morbida, gradevole sia al palato che alla gola. Con note dolci di fragola e altre 5 botaniche che gli conferiscono un sapore indimenticabile.

Il naso riceve il suo profumo in modo armonico, morbido, come una carezza. La bevanda cerca di soddisfare dal primo momento. Compresa la bottiglia, che pur essendo semplice cresce elegantemente.

Al contrario, puoi elencare la sua leggerezza e quel tentativo di essere amichevole in ogni modo, poiché può diventare stucchevole.

Sebbene sia buono per i cocktail, perde versatilità. Può essere contrastato con il suo prezzo economico per la qualità che fornisce.

12. Gin Mom

Dall’imbottigliamento al gusto, non c’è dubbio che si è meritato l’appellativo di “Regina dei Gin”. Esotico è la parola migliore per definire questa bevanda.

È uno dei pochi gin la cui base ha un sapore inferiore all’aroma, questo perché viene distillato 4 volte con frutti rossi selezionati, conferendogli il sapore intenso.

Al palato la morbidezza di questo gin è senza precedenti. Scivola senza lasciare altro che un piacevole effetto, note fruttate e innegabilmente dolci.

Al naso non si discosta dal palato, ricercando equilibrio e senza sorprese. Questo gin cerca di andare sul sicuro, senza misteri o inganni.

Essendo un gin rivolto ad un pubblico femminile, ne limita un po’ la portata nel mercato, che in generale si presenta come la sua più grande battuta d’arresto. Al contrario, quando si cerca un equilibrio nettamente verso il dolce, potrebbe non essere per il gusto di tutto il pubblico.

Conclusioni

Indipendentemente dal marchio, l’Inghilterra ha il sopravvento sui gin di tutto il mondo, seguita da vicino dalla Spagna. Tuttavia, negli ultimi 5 anni, l’influenza asiatica ha attirato molta attenzione in questo settore, diventando una promessa per il futuro.

Il Gin è una bevanda molto flessibile e va oltre i diversi Gin & Tonic, capace di sorprendere anche i più increduli e di avere una delle più grandi varietà di bevande dello stesso tipo, quindi copre un ampio mercato ed esiste un tipo di gin, per ogni tipo di persona.

Vedi altro:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *